Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.
Redazione10 AGO 201814:56

Bonucci: "Sono juventino dentro, torno per un altro scudetto! Non mi sentivo bene, Gattuso..."

Il neo difensore Juventus parla dei suoi trascorsi in rossonero e del suo ritorno alla società piemontese.

Leonardo Bonucci parla in conferenza stampa commentando così il suo ritorno alla Juventus"Quando ho pensato al ritornoNon c'è una data precisa. C'è stato un momento in cui tutti erano d'accordo su questo trasferimento, è stato bello per tutti ritrovarci, il MIlan ha fatto le sue valutazioni, io le mie perché volevo vincere e la Juve le sue: siam stati tutti d'accordo per portare a termine questo trasferimento. Sull'esultanza? Mi capita poche volte di fare gol... a volte vedendo giocatori che non esultavano, li criticavo: in quel momento stai difendendo i colori della tua squadra, spero di regalare ai tifosi tante esultanze di gioie.

L'obiettivo è tornare in finale di Champions? L'obiettivo è tornare a Madrid, essere competitvi in ogni partita, giocarsi la Champions, vincere un altro Scudetto e la Coppa Italia. Quando vesti la maglia della Juventus, gli obiettivi sono chiari dall'inizio. Il mio addio? Non mi sentivo bene con me stesso per rendere al cento per cento con la Juve, per questo andai via. Un bene avere Cristiano Ronaldo con noi? Se incontriamo il Real Madrid, almeno adesso non partiamo 1-0 per loro ma per noi, visto quanto successo nelle ultime annate. Scherzi a parte, allenarsi con Ronaldo è uno stimolo per tutti, ti spinge a migliorarti ed alza ulteriormente il livello della rosa. Il Milan? Mi ha fatto crescere, Gennaro Gattuso è una grande persona ed ha risollevato le sorti del Milan arrivando a novembre. Torno a Torino dopo un anno con un bagaglio umano importante. Ho avuto la fortuna di crescere e di stringere ancora di più il rapporto con i miei figli e la mia famiglia, rimasti qui a Torino. Mi sento un essere umano migliore, pronto a dare tutto per la causa Juventus. Sono qualcuno che vuole sempre vincere e migliorarsi, la Juve era la soluzione migliore per me. Sono juventino da sempre, da quando sono nato. Sento di essere tornato a casa".